Transizione 4.0. La Legge di Bilancio proroga il credito d’imposta fino al 2025 ma riduce le aliquote

La Legge di Bilancio 2022 (n. 234 del 30 dicembre 2021) ha prorogato fino al 2025 il credito d’imposta per gli investimenti Industria 4.0 ma con una progressiva riduzione delle aliquote – che arrivano a dimezzarsi e anche oltre – e con modifiche ai massimali dei costi ammissibili al beneficio.

Se da un lato, dunque, sono stati allungati i termini per le agevolazioni in materia, dall’altro appare evidente che il 2022 sarà l’ultimo anno utile per accedere a un consistente beneficio fiscale.
Oggi e fino al 31 dicembre 2022, per investimenti in beni materiali 4.0 (All. A L. 232/2016) l’aliquota per il credito d’imposta è del 40% sugli investimenti fino a 2,5 mln di euro, del 20% da 2,5 a 10 mln e 10% per gli investimenti da 10 a 20 mln. Secondo la nuova Legge di Bilancio, tali percentuali si dimezzano a partire dal 1° gennaio 2023, ovvero passano, rispettivamente, al 20% fino a 2,5 mln, al 10% fino a 10 mln e al 5% per investimenti fino a 20 mln di euro. Come sempre, per ogni scadenza è prevista un’appendice di applicabilità al 30 giugno dell’anno successivo se ordine dei beni e versamento dell’acconto del 20% dell’investimento vengono effettuati entro il 31 dicembre precedente.
Per i beni immateriali (All. B L. 232/2016) – ad esempio software 4.0la misura del credito d’imposta passa dal 20% per gli investimenti entro il 31 dicembre 2023 al 15% per gli investimenti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2024 e scende al 10% per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2025. Il limite massimo di costi ammissibili è sempre pari a un milione di euro e, come per i beni materiali, è prevista un’appendice di applicabilità entro il 30 giugno dell’anno successivo qualora ordine e acconto del 20% vengano effettuati entro il 31 dicembre precedente.
Si annuncia una riduzione delle aliquote anche per gli investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 e design, sebbene il credito d’imposta sia stato prorogato fino al 2031. Per le attività di ricerca e sviluppo si passa da un 20% con massimale di 5 mln di euro nel 2022 al 10% con un massimale di 6 mln a partire dal 2023 e fino al 2031. Si dimezza la percentuale del beneficio anche per le attività di innovazione o attività di design e ideazione estetica su un massimale di 2 mln di euro, che passa dal 10% del 2022 al 5% per investimenti dal 2023 al 2025. Infine, per le attività di innovazione con finalità orientate a un obiettivo di transizione ecologica e di innovazione digitale 4.0 l’aliquota del 15% su un massimale di 2 mln di euro del 2022 scende al 10% su un massimale di 4 mln a partire dal 2023.

In ambito Transizione 4.0, ICIM Group offre competenze trasversali attraverso le sue società. TIFQ Srl fornisce orientamento sulla normativa e supporto tecnico per reingegnerizzare i processi aziendali in ottica Industry 4.0 o per impostare e realizzare progetti Industria 4.0 nel rispetto di tutti i requisiti necessari per l’accesso ai benefici fiscali che, ricordiamo, si applicano anche agli interventi di revamping di macchinari e impianti esistenti. Inoltre, offre supporto tecnico per l’accesso ai Crediti di Imposta Ricerca & Sviluppo & Innovazione valutando ammissibilità e classificazione dei progetti, strutturando la rendicontazione dei costi e redigendo la relazione tecnica asseverata, necessari per fruire dei benefici fiscali.

ICIM SpA è, invece, l’ente di certificazione di riferimento in ambito 4.0 e offre un’importante garanzia nell’accesso ai benefici fiscali per i titolari degli investimenti, grazie alla competenza e l’esperienza di migliaia di valutazioni già eseguite e di oltre 2.400 attestazioni Industria 4.0 rilasciate garantite dall’accreditamento Accredia e copertura assicurativa. ICIM SpA si rivolge anche ai produttori e fornitori di beni dando loro la possibilità di comunicare correttamente al mercato la validità del proprio prodotto nella rispondenza ai requisiti del Piano Transizione 4.0 e ampliare il bacino d’utenza della propria impresa. Valutazione dei rischi di business continuity, cybersecurity, valutazione di sicurezza delle interfacce uomo-macchina completano gli ambiti di competenza di ICIM SpA.

Categories: Notizie