Contatto con alimenti

Per poter essere destinati al contatto con i prodotti alimentari, i materiali impiegati per contenere, trasportare e servire gli alimenti devono rispondere a requisiti specifici inerenti la composizione chimica e a caratteristiche fisiche in relazione alla resistenza alle diverse condizioni a cui vengono sottoposti, in modo che vi sia l´assoluta certezza che essi non rilascino all’alimento sostanze nocive o che ne pregiudichino in qualche modo le caratteristiche iniziali.
TIFQLab supporta le imprese del settore alla richiesta della certificazione mediante test di conformità compositiva dei materiali a contatto con alimenti, di migrazione globale e specifica di monomeri, additivi, metalli, coloranti in accordo con le diverse legislazioni europee ed extraeuropee, valutazioni sensoriali.


Cosa analizziamo

Materie Plastiche

La valutazione della cessione di sostanze dal materiale plastico all’alimento è regolamentata in modo specifico dal Regolamento EU n. 10/2011: la regolamentazione europea per la plastica da destinarsi al contatto con alimenti

Alluminio

L’alluminio o le leghe destinate alla produzione di materiali ed oggetti a contatto alimentare devono soddisfare i requisiti di purezza e delle caratteristiche di composizione previsti dal DM n.76 del 18 aprile 2007.

Carta e cartone

Determinazione della migrazione di piombo dagli imballaggi in carta e cartone

Ceramica

Per oggetti di ceramica si intendono gli oggetti fabbricati a base di una miscela di materiali inorganici composti generalmente da una proporzione elevata di minerali argillosi o silicei cui sono aggiunti eventualmente piccoli quantitativi di sostanze organiche. Tali oggetti vengono innanzi tutto modellati e la forma così ottenuta viene fissata permanentemente mediante cottura. Essi possono essere vetrificati, smaltati e/o decorati.

Gomme

La valutazione della cessione di sostanze dal materiale plastico all’alimento è regolamentata in modo specifico dal DM 21/03/73 e smi.

Siliconi

Ad oggi la normativa non è armonizzata, in quanto secondo il DM 21/03/73 e smi a tali materiali si applicano gli stessi requisiti delle materie plastiche, mentre a livello comunitario essi non godono di una normativa specifica.

Metalli e leghe

A livello comunitario nessuno dei materiali metallici è regolamentato in modo specifico. Devono, tuttavia, rispettare determinate caratteristiche di composizione.

Turaccioli

Secondo la legge, il tappo in sughero rientra tra i materiali destinati a venire in contatto con gli alimenti, i quali non sono regolamentati in modo specifico da alcuna normativa tuttavia ad essi si applicano i requisiti generali stabiliti dal Regolamento CE 1935/2004.

Vetro

Gli oggetti di vetro destinati a contatto alimentare devono soddisfare i requisiti generali stabiliti dal regolamento comunitario 1935/2004 e normativa nazionale D.P.R. 777 del 23.08.1982 e smi e dalla regolamentazione specifica del DM 21/03/73 e smi. Questi materiali non godono di una normativa armonizzata. Gli oggetti in vetro destinati a venire in contatto con gli alimenti devono essere preparati esclusivamente determinate categorie di vetro.