Rivalutazione dei beni di impresa: c’è tempo fino a Luglio per l’approvazione dei bilanci

Il Decreto Milleproroghe all’art 3 ha prorogato le disposizioni del Dl 18/2020, riconfermando anche per i bilanci 2020 la possibilità di convocare l’assemblea di approvazione entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio e non entro 120 giorni come previsto ordinariamente degli artt. 2364 e 2478-bis del Codice Civile.
La disposizione non prevede un obbligo, ma lascia aperta la possibilità alle società di capitali di avere maggior tempo a disposizione per le convocazioni dell’assemblea, estendendo di fatto al mese di Luglio il termine ultimo per le convocazioni.
Le imprese che stanno operando la rivalutazione dei propri beni e vogliono cogliere l’opportunità del beneficio fiscale connesso a questa operazione, hanno quindi oggi a disposizione più tempo per condurre stime e valutazioni tecniche per determinare il valore di rivalutazione.
Quello del Milleproporghe è un vantaggio rilevante per le imprese. La rivalutazione dei beni, infatti, nel caso si opti per il riconoscimento fiscale dei maggiori valori che dovranno essere iscritti nel Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2020, permettendo di aumentare la quota di ammortamento, genera un beneficio fiscale complessivo – al netto dell’imposta sostitutiva fissata al 3% – pari al 24,9%, diluito nel periodo di ammortamento identificato.
Sebbene non prescritto dalla norma, è raccomandabile supportare la rivalutazione con stime o perizie preferibilmente redatte da organizzazioni terze e indipendenti, anche allo scopo di supportare le relazioni di amministratori e sindaci che dovranno indicare i criteri utilizzati nella rivalutazione e attestare che il valore rientri nei limiti previsti dalla legge.

ICIM, in qualità di ente terzo e indipendente e in virtù della sua esperienza e competenza tecnica, è in grado di supportare l’impresa nella corretta determinazione del valore di rivalutazione dei beni materiali tecnologici (macchine e impianti), conducendo stime tecnico-economiche e rilasciando una relazione tecnica che attesti il valore di rivalutazione.
La competenza e l’esperienza raccolta in oltre 30 anni di attività nelle imprese manifatturiere e l’attenzione da sempre dimostrata nel garantire la qualità dei propri servizi permettono a ICIM di offrire un servizio orientato a rendere solidi e affidabili i valori di rivalutazione indicati.

Per maggiori informazioni telefona allo 02 72534255 o scrivi a industry4.0@icim.it

9 marzo 2021

Categories: Notizie